HomeGuide immobiliariSuccessioneSuccessione Immobiliare

Successione Immobiliare

L’imposta di successione

Quando si riceve un immobile in eredità si ha l’obbligo di compilare e  presentare la dichiarazione di successione. La dichiarazione di successione è la base per il pagamento dell’imposta di successione sul valore dell’immobile ereditato. La normativa prevede però elevate franchigie, limiti al di sotto dei quali l’imposta di successione non si paga.
Una volta ricevuta la dichiarazione di successione, l’Agenzia delle Entrate la controlla, effettua correzioni se necessario, quindi invia un avviso di liquidazione per il pagamento dell’imposta.
Gli immobili ereditati sono soggetti anche alle imposte ipo-catastali, da pagare prima della presentazione della dichiarazione di successione.

Parentela
Imposta di successione
Imposta ipotecaria
Imposta catastale
Coniugi e parenti in linea retta (genitori, figli)
4% con franchigia di 1.000.000 di euro
2% (200 euro se prima casa)
1% (200 euro se prima casa)
Fratelli e sorelle
6% con franchigia di 100.000 euro
2% (200 euro se prima casa)
1% (200 euro se prima casa)
Parenti fino al 4° grado e affini fino al 3°
6% senza franchigia
2% (200 euro se prima casa)
1% (200 euro se prima casa)
Tutti gli altri
8% senza franchigia
8% senza franchigia
1% (200 euro se prima casa)

Calcolo dell’imposta di successione

La base imponibile

Sponsorizzato

La base imponibile sulla quale calcolare l’imposta di successione è data dalla  rendita catastale rivalutata del 5% e quindi moltiplicata per i seguenti coefficienti:
110 per la prima casa.
120 per i fabbricati dei gruppi catastali A e C, escluse le categorie catastali A/10 (uffici e studi) e C/1 (negozi).
140 per i fabbricati del gruppo catastale B
60, per i fabbricati delle categorie A/10 (uffici e studi privati) e D.
40,8, per i fabbricati delle categorie C/1 (negozi e botteghe) ed E.
Per i terreni non edificabili si rivaluta del 25% il reddito dominicale e quindi si moltiplica per 90.

Le aliquote dell’imposta di successione

Le aliquote per il calcolo dell’imposta di successione dipendono dal grado di parentela tra la persona deceduta e l’erede.
Sulla base imponibile determinata come sopra si paga:
• 4%, per il coniuge e i parenti in linea retta (genitori e figli), con una franchigia di 1.000.000 di euro. Cioè il 4% si calcola solo sulla parte che supera il milione di euro per la quota di ogni erede.
• 6%, per fratelli e sorelle. Qui la franchigia è molto più bassa, appena 100.000 euro, sempre sulla quota di ogni erede.
• 6%, per gli altri parenti fino al quarto grado, affini in linea retta e affini in linea collaterale fino al terzo grado. Non c’è franchigia.
• 8% senza franchigia per tutti gli altri.

ATTENZIONE
Per i portatori di handicap grave la franchigia è elevata a 1.500.000.

Gli importi della franchigia sono aggiornati ogni quattro anni, in base all’indice del costo della vita.

Rientrano nella franchigia anche eventuali altre donazioni fatte in vita dalla persona deceduta all’erede. Questo perché la donazione ai parenti viene considerata un anticipo della successione.
Quindi, se una figlia avesse ricevuto una donazione di 300.000 euro dalla madre, la franchigia per l’imposta di successione si ridurrebbe di altrettanto.

Le imposte ipotecaria e catastale sulla successione immobiliare

Le imposte ipotecaria e catastale per gli immobili ereditati sono, rispettivamente, del 2 e dell’1% con un minimo di 200 euro.
e vanno pagate prima di presentare la dichiarazione di successione.
Per il versamento va utilizzato il modello F24, che ormai ha sostituito quasi completamente il modello F23.

Agevolazioni prima casa nella successione

Gli eredi che hanno i requisiti per usufruire delle agevolazioni “prima casa” pagano le imposte ipo-catastali in misura fissa di 200 euro ciascuna.
Ricordiamo   per usufruire dell’agevolazione:

  • L’immobile ereditato si deve trovare nello stesso Comune in cui l’erede ha la residenza o la stabilisce entro 18 mesi dall’atto di successione.
  • L’erede non deve essere proprietario, anche se in comunione col coniuge, o non aver diritti di usufrutto, uso e abitazione di un’altra casa nel Comune dove è ubicato l’immobile ereditato.
  • Non deve aver già usufruito delle agevolazioni “prima casa” per quote di diritti di proprietà, uso, usufrutto, abitazione o nuda proprietà, su un’altra abitazione, anche acquistata dal coniuge se in comunione legale dei beni.

Nel caso della successione l’agevolazione prima casa riguarda solo le imposte ipo-catastali e non l’imposta di successione.

Sponsorizzato

Ti può interessare anche: la dichiarazione di successione e la donazione immobiliare.

Guarda tutti gli articoli sulla successione

Indice ISTAT agosto 2022

Indice ISTAT FOI definitivo provvisorio agosto 2022 : +8,1% L'indice ISTAT FOI di AGOSTO 2022 si porta a 113,2 con un aumento mensile del...
Sponsorizzato

Indice ISTAT gennaio 2022

Indice ISTAT gennaio 2022 (FOI definitivo) : 107,7 punti L'indice ISTAT DI GENNAIO 2022 per le rivalutazioni monetarie aumenta del +1,4% su base...

Indici ISTAT FOI 2022 per gli affitti

Ultimi indici ISTAT per le rivalutazioni monetarie. Nel mese di agosto 2022 l’indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati,...

Indice ISTAT agosto 2022

Indice ISTAT FOI definitivo provvisorio agosto 2022 : +8,1% L'indice ISTAT FOI di AGOSTO 2022 si porta a 113,2 con un aumento mensile del...

Indice ISTAT luglio 2022

Indice ISTAT luglio 2022 : +7,8% L'indice ISTAT DI LUGLIO 2022 FOI definitivo si stima pari a 112,3 punti, in aumento del +0,4% su...

Indice ISTAT giugno 2022

Indice ISTAT giugno 2022 (FOI definitivo) : +7,8% L'indice ISTAT DI GIUGNO 2022 (FOI definitivo) si porta a 111,9 punti, in aumento del +1,2%...

Indice ISTAT maggio 2022

A maggio, dopo il rallentamento di aprile, l’inflazione torna ad accelerare salendo a un livello che non si registrava da marzo 1986 (quando fu pari a +7,0%). Gli elevati aumenti dei prezzi dei Beni energetici continuano a essere il traino dell’inflazione (con quelli dei non regolamentati in accelerazione) e le loro conseguenze si propagano sempre più agli altri comparti merceologici, i cui accresciuti costi di produzione si riverberano sulla fase finale della commercializzazione. Accelerano infatti i prezzi al consumo di quasi tutte le altre tipologie di prodotto, con gli Alimentari lavorati che fanno salire di un punto la crescita dei prezzi del cosiddetto “carrello della spesa” che si porta a +6,7%, come non accadeva dal marzo 1986 (quando fu +7,2%)

Indice ISTAT aprile 2022

La stima definitiva di aprile accentua il rallentamento dell’inflazione registrato dai dati preliminari. Tale dinamica è imputabile per lo più all’inclusione del bonus energia (elettricità e gas) nel calcolo degli indici dei prezzi al consumo, resa possibile dalla disponibilità di stime sulla platea dei beneficiari (estesa dal primo aprile fino a comprendere circa 5 milioni di famiglie, 3 per il bonus elettricità e 2 per il bonus gas, con valenza retroattiva dal primo gennaio 2022). Le tensioni inflazionistiche continuano tuttavia a diffondersi ad altri comparti merceologici, quali i Beni durevoli e non durevoli, i Servizi relativi ai trasporti e gli Alimentari lavorati, con la crescita dei prezzi del cosiddetto “carrello della spesa” che si porta a +5,7%
Sponsorizzato