HomeStatisticheProduzione e costi costruzioni dicembre 2017

Produzione e costi costruzioni dicembre 2017

L’indice del costo di costruzione di un fabbricato residenziale è un indice che misura le variazioni dei costi di costruzione delle abitazioni. Sono esclusi il costo del suolo, quello della progettazione, della direzione dei lavori e degli allacciamenti.

A dicembre 2017 l’indice della produzione nelle costruzioni (corretto da effetti dovuti al tempo meteorologico e dalla variazione dei giorni lavorativi) aumenta del 2,1% su base mensile. Gli indici del costo di costruzione per le abitazioni, invece, diminuiscono dello 0,2%.

Sponsorizzato

Nel quarto trimestre l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni è aumentato dello 0,7% rispetto al trimestre precedente.

L’anno 2017 si chiude con una leggera diminuzione dell’indice grezzo (-0,3% la variazione annua rispetto al 2016) e una modesta ripresa dell’indice corretto per gli effetti di calendario (+0,3%).

Rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso a dicembre 2017 l’indice grezzo della produzione nelle costruzioni diminuisce del 4,1%. Corretto in base agli effettivi giorni lavorativi (18 contro i 20 dell’anno passato) l’indice registra invece un aumento del 2,8%.

Indici annuali costo costruzione

Gli indici del costo di costruzione aumentano dello 0,6% su base annua per il fabbricato residenziale. In media annua gli indici del fabbricato residenziale incrementano dello 0,6%.
L’aumento rispetto a dicembre del 2016 del costo di costruzione del fabbricato residenziale dipende dall’aumento dei costi dei materiali (+1,7 punti percentuali).
Diminuiscono infatti sia il costo della manodopera (-0,5%), sia il costo dei trasporti (-0,3%). Rispetto al mese precedente i costi non subiscono variazioni fatta eccezione p i materiali che segnano un calo dello 0,4%.

Costo costruzione di fabbricato residenziale
COSTO DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE. Dicembre 2017. Variazioni percentuali (dati provvisori)

Produzione nelle costruzioni

Nel quarto trimestre 2017 l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni è aumentato del +0,7% rispetto al trimestre precedente. Nel 2017 l’indice della produzione destagionalizzato è aumentato dello 0,3% rispetto al 2016. L’indice grezzo cioè non corretto in base ai giorni effettivamente lavorati, diminuisce dello 0,3%.

Costi di costruzione: gruppi di costo

Nel mese di dicembre 2017, rispetto a novembre, gli indici per gruppi di costo dei materiali diminuiscono dello 0,4% mentre rimangono invariati quelli della manodopera, dei trasporti e dei noli. Rispetto a dicembre 2016, i costi dei materiali e dei noli aumentano dell’1,7%. Diminuiscono dello 0,5%, invece, i costi della manodopera e dello 0,3% quelli dei trasporti.

Indice ISTAT settembre 2022

Indice ISTAT NIC provvisorio settembre 2022 : +--% L'indice ISTAT NIC provvisorio del mese di settembre 2022 si stima a 115,7 punti con un...
Sponsorizzato

Indice ISTAT gennaio 2022

Indice ISTAT gennaio 2022 (FOI definitivo) : 107,7 punti L'indice ISTAT DI GENNAIO 2022 per le rivalutazioni monetarie aumenta del +1,4% su base...

Indici ISTAT FOI 2022 per gli affitti

Ultimi indici ISTAT per le rivalutazioni monetarie. Nel mese di agosto 2022 l’indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati,...

Indice ISTAT agosto 2022

Indice ISTAT FOI definitivo agosto 2022 : +8,1% L'indice ISTAT FOI di AGOSTO 2022 si porta a 113,2 con un aumento mensile del +0,8%...

Indice ISTAT settembre 2022

Indice ISTAT NIC provvisorio settembre 2022 : +--% L'indice ISTAT NIC provvisorio del mese di settembre 2022 si stima a 115,7 punti con un...

Indice ISTAT luglio 2022

Indice ISTAT luglio 2022 : +7,8% L'indice ISTAT DI LUGLIO 2022 FOI definitivo si stima pari a 112,3 punti, in aumento del +0,4% su...

Indice ISTAT giugno 2022

Indice ISTAT giugno 2022 (FOI definitivo) : +7,8% L'indice ISTAT DI GIUGNO 2022 (FOI definitivo) si porta a 111,9 punti, in aumento del +1,2%...

Indice ISTAT maggio 2022

A maggio, dopo il rallentamento di aprile, l’inflazione torna ad accelerare salendo a un livello che non si registrava da marzo 1986 (quando fu pari a +7,0%). Gli elevati aumenti dei prezzi dei Beni energetici continuano a essere il traino dell’inflazione (con quelli dei non regolamentati in accelerazione) e le loro conseguenze si propagano sempre più agli altri comparti merceologici, i cui accresciuti costi di produzione si riverberano sulla fase finale della commercializzazione. Accelerano infatti i prezzi al consumo di quasi tutte le altre tipologie di prodotto, con gli Alimentari lavorati che fanno salire di un punto la crescita dei prezzi del cosiddetto “carrello della spesa” che si porta a +6,7%, come non accadeva dal marzo 1986 (quando fu +7,2%)
Sponsorizzato