Contrariamente a quanto si è portati a credere, se un inquilino non paga il canone di locazione, il proprietario lo deve comunque dichiarare e versare le tasse corrispondenti.

L’unica via per il proprietario è iniziare un procedimento per sfratto per morosità. Solo al termine, avuta la convalida di sfratto per morosità, i canoni non percepiti non andranno finalmente dichiarati.

Per le rate di affitto non versate prima e durante il procedimento di sfratto occorre che sia il giudice ad accertarne l’ammontare. Solo in tal caso si avrà diritto al rimborso, sotto forma di credito d’imposta.

Il credito d’imposta va sfruttato portandolo in compensazione delle imposte da versare nelle dichiarazioni successive tramite il modello F24.