Modello f24 editabile

Modello F24 editabile
  • Il modello f24 editabile e stampabile per pagamento tasse imposta registro imposta successione.

In questa pagina potete trovare le istruzioni per la compilazione del modello f24.

Alcuni modelli sono in formato pdf editabile

Modello f24

Il modello f24 è detto unificato perché con una sola operazione si pagano le somme dovute compensando il versamento con eventuali crediti.

I titolari di partita Iva sono obbligati a utilizzare modalità telematiche di pagamento.

Modello F24 scaricabile e  stampabile pronti per la compilazione. Il primo va compilato manualmente, il secondo è un modello editabile compilabile direttamente sul computer.

I modelli F24 sotto riportati sono completi di istruzioni per la compilazione


Nuovo Modello F24 IMU
scaricabile e stampabile

Modello f24 stampabile
Modello f24 stanpabile


Nuovo Modello F24 IMU editabile e stampabile

Modello f24 editabile
Modello f24 editabile

Compilazione modello F24

Istruzioni per la compilazione del modello f24

Il modello F24 è diviso in “Sezioni”.

  • Sezione Erario: per i versamenti Irpef, Ires, Iva e ritenute.
  • Sezione Regioni: per le imposte regionali (Irap e addizionale Irpef).
  • Sezione Imu e altri tributi locali: per le imposte comunali (addizionale comunale, Imu, Tarsu/Tari e Tosap/Cosap).

Campi del modello f24:

  • Contribuente: indicare il codice fiscale, i dati anagrafici e il domicilio fiscale.
  • Coobbligato: indicare il codice fiscale dell’erede, genitore, tutore o curatore fallimentare con il relativo codice identificativo.
  • Codici tributo: Codice dell’imposta da pagare.
  • Anno/periodo di riferimento: indicare l’anno d’imposta formato a 4 cifre. Se il periodo d’imposta non coincide con l’anno solare va barrata l’apposita casella nella sezione Contribuente e indicare nella colonna “anno di riferimento” il primo dei due anni solari interessati
  • Regioni: per le sole imposte regionali, oltre al codice tributo e all’anno di riferimento, va indicato il codice della regione per la quale si effettua il pagamento.
  • Imu e altri tributi locali: per l’addizionale comunale all’Irpef, oltre al codice tributo e all’anno di riferimento, se ci si riferisce a versamenti per comuni delle regioni Valle d’Aosta e Friuli Venezia Giulia e per le province autonome di Bolzano e Trento andranno usati i “codici enti” specifici.

Note:

Per versamenti relativi agli altri comuni andrà utilizzato il “codice ente” 99. Per l’Imu il codice ente locale da riportare sul modello è quello catastale che contraddistingue il comune destinatario del versamento.

Per le sezioni Inps e altri enti previdenziali e assicurativi valgono le regole di compilazione fornite dagli enti stessi.

I versamenti dell’addizionale comunale Irpef vanno effettuati associando a ciascun codice tributo il codice catastale del comune di riferimento.

Arrotondamento importi nel modello F24

Gli importi devono sempre essere indicati con due cifre decimali, anche se sono pari a zero. Per esempio, nel caso in cui l’importo sia espresso in unità di euro, se la somma da versare è pari a 70 euro, va indicato “70,00”. In presenza di più cifre decimali si deve procedere all’arrotondamento della seconda cifra decimale con il seguente criterio:

  • se la terza cifra è uguale o superiore a 5, l’arrotondamento al centesimo va effettuato per eccesso (74,955 euro arrotondato diventa 74,96 euro).
  • se la terza cifra è inferiore a 5, l’arrotondamento va effettuato per difetto (74,952 euro arrotondato diventa 74,95 euro).

Indicazione in F24 del genitore erede, tutore o curatore

Quando al pagamento sono tenuti l’erede, il genitore, il tutore o il curatore, vanno riportati negli appositi spazi nella sezione Contribuente, i dati del contribuente per il quale il versamento viene effettuato e il codice fiscale e il codice identificativo di chi effettua il pagamento.

Pagamenti F24 unica soluzione

Per gli importi pagati in unica soluzione riferita alle principali imposte derivanti da dichiarazioni, nelle colonne “rateazione/regione/prov.” della sezione Erario e “rateazione” delle sezioni Regioni e Ici e altri tributi locali, occorre scrivere 0101.