HomeMercato immobiliareMercato immobiliare nel 4° trimestre 2017

Mercato immobiliare nel 4° trimestre 2017

Mercato immobiliare secondo gli agenti immobiliari

  Il mercato immobiliare nel quarto trimestre del 2017 vede un aumento del numero di agenzie che segnala tendenze al ribasso sui prezzi delle case. Migliora la domanda sul mercato immobiliare. Diminuisce lo stock di invenduto e sale il numero di agenti che ha venduto almeno un immobile. Le attese a breve e medio termine degli operatori immobiliari sulle prospettive del mercato sono rimaste favorevoli.

Andamento mutui

Andamento mutui quarto trimestre 2017

I mutui sostengono oltre l’80% delle compravendite del mercato immobiliare a fine 2017. Siamo tornati sugli standard pre-crisi per quanto riguarda Il rapporto tra il prestito. Rispetto al periodo precedente il rapporto fra prestito e valore dell’immobile passa dal 74,4% al 73,7%.  Sono sempre meno gli agenti che segnala difficoltà nell’ottenimento del mutuo da parte dei clienti. Sono infatti solo il 15,4%, il livello più basso mai rilevato dal sondaggio.

Diminuzione dei prezzi

Sponsorizzato

Nel quarto trimestre del 2017 è aumentata la quota di operatori che segnala una diminuzione dei prezzi. Il peggioramento è stato più accentuato nelle aree del Centro, a fronte di una tendenza favorevole nel Nord Ovest e nel Mezzogiorno. Nel complesso i giudizi di stabilità dei prezzi restano prevalenti (67,8 per cento nell’intero paese, da 71,9 in ottobre).

Compravendite immobiliari

 La quota di agenzie che ha venduto almeno un’abitazione (83,3 per cento) è aumentata sia rispetto al trimestre precedente, sia rispetto allo stesso trimestre del 2016. La metratura più richiesta è compresa fra 80 e 140 mq abitabili. Gli immobili più venduti sono quelli liberi, usati e con classe energetica bassa. Sono in maggioranza gli agenti immobiliari che si aspettano un aumento delle richieste di acquisto.

Stock invenduto

La maggior parte dei mediatori immobiliari segnala una diminuzione dello stock di case invendute,  contemporaneamente alla diminuzione dei nuovi mandati. Dall’indagine risulta quindi una contrazione dell’offerta immobiliare nel quarto trimestre 2017.

Divario prezzi fra offerta e domanda

Divario tra offerta e domanda prezzi case

E’ in aumento il numero dei venditori che ritirano il loro immobile dal mercato, scoraggiati dalla differenza fra il prezzo richiesto e quello offerto. E’ aumentata fortemente la percentuale degli agenti immobiliari che attribuisce la mancata vendita a richieste ritenute eccessive da parte degli acquirenti. Chi compra casa si aspetta quindi più che in passato un calo dei prezzi. D’altra parte anche i venditori si aspettano offerte più in linea con le loro richieste, e sono in leggero aumento anche le mancate vendite per offerte non ritenute adeguate.

Sconto sul prezzo e tempo di vendita

Il margine medio di sconto sui prezzi di vendita rispetto alle richieste iniziali del venditore è rimasto pressoché invariato, al 10,6 per cento (era 10,2 in ottobre). In media ci si deve aspettare un tempo di vendita di 7,4 mesi, pressoché invariato rispetto alla rilevazione precedente.

Andamento Locazioni

La percentuale di operatori che ha dichiarato di aver locato almeno un immobile è cresciuta rispetto al sondaggio precedente (85,0 % da  dall’83,8 precedente).
Diminuisce, pur restando in maggioranza, la quota di agenti immobiliari che giudica in calo i canoni di locazione del quarto trimestre 2017. Per il trimestre in corso, invece, sono in maggioranza gli operatori che si attendono un aumento. il miglioramento riguarda tutte le aree geografiche tranne il Nord Est. Il margine medio di sconto rispetto alle richieste iniziali del locatore è rimasto pressoché invariato, al 3,6 per cento. Aumentano gli incarichi a locare.

Aspettative andamento mercato immobiliare

Gli  agenti immobiliari si aspettano un mercato nettamente positivo per il primo trimestre 2018. Aumento di nuovi incarichi, stabilizzazione dei prezzi e ripresa della domanda rendono ottimisti gli operatori del settore. Resta altissima a 44,5 punti percentuali la differenza tra chi si aspetta un  miglioramento e chi un peggioramento del mercato.

Aspettative andamento mercato immobiliare nel primo trimestre 2018

(Dall’indagine sul mercato immobiliare nel 4° trimestre del 2017  condotta dalla Banca d’Italia insieme a Tecnoborsa e l’Agenzia delle Entrate).

Indice ISTAT settembre 2022

Indice ISTAT NIC provvisorio settembre 2022 : +--% L'indice ISTAT NIC provvisorio del mese di settembre 2022 si stima a 115,7 punti con un...
Sponsorizzato

Indice ISTAT gennaio 2022

Indice ISTAT gennaio 2022 (FOI definitivo) : 107,7 punti L'indice ISTAT DI GENNAIO 2022 per le rivalutazioni monetarie aumenta del +1,4% su base...

Indici ISTAT FOI 2022 per gli affitti

Ultimi indici ISTAT per le rivalutazioni monetarie. Nel mese di agosto 2022 l’indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati,...

Indice ISTAT agosto 2022

Indice ISTAT FOI definitivo agosto 2022 : +8,1% L'indice ISTAT FOI di AGOSTO 2022 si porta a 113,2 con un aumento mensile del +0,8%...

Indice ISTAT settembre 2022

Indice ISTAT NIC provvisorio settembre 2022 : +--% L'indice ISTAT NIC provvisorio del mese di settembre 2022 si stima a 115,7 punti con un...

Indice ISTAT luglio 2022

Indice ISTAT luglio 2022 : +7,8% L'indice ISTAT DI LUGLIO 2022 FOI definitivo si stima pari a 112,3 punti, in aumento del +0,4% su...

Indice ISTAT giugno 2022

Indice ISTAT giugno 2022 (FOI definitivo) : +7,8% L'indice ISTAT DI GIUGNO 2022 (FOI definitivo) si porta a 111,9 punti, in aumento del +1,2%...

Indice ISTAT maggio 2022

A maggio, dopo il rallentamento di aprile, l’inflazione torna ad accelerare salendo a un livello che non si registrava da marzo 1986 (quando fu pari a +7,0%). Gli elevati aumenti dei prezzi dei Beni energetici continuano a essere il traino dell’inflazione (con quelli dei non regolamentati in accelerazione) e le loro conseguenze si propagano sempre più agli altri comparti merceologici, i cui accresciuti costi di produzione si riverberano sulla fase finale della commercializzazione. Accelerano infatti i prezzi al consumo di quasi tutte le altre tipologie di prodotto, con gli Alimentari lavorati che fanno salire di un punto la crescita dei prezzi del cosiddetto “carrello della spesa” che si porta a +6,7%, come non accadeva dal marzo 1986 (quando fu +7,2%)
Sponsorizzato