Indice Istat giugno 2019: +0,5%

A giugno 2019 l’indice assoluto dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI) resta fermo a 102,7 punti. Variazione nulla, quindi, rispetto al mese precedente. La variazione annua dell’indice, usata per le rivalutazioni monetarie e in particolare per il calcolo dell’adeguamento del canone di locazione, è del +0,5%.

Inflazione sempre molto contenuta e rivalutazioni monetarie minime anche per il mese di giugno 2019.

Tabella indici Istat FOI di giugno 2019

Giugno 2019
Indici
75%
Generale
102,7
Variazione mensile
0,0%
Variazione annuale
0,5%
0,375%
Variazione biennale
1,7%
1,275%
Sponsorizzato

Gli indici Istat NIC provvisori di luglio 2019 saranno pubblicati il 31 luglio e quelli definitivi il 9 agosto 2019. Guarda il calendario di diffusione degli indici Istat dei prezzi al consumo.

Variazione annuale dell’indice Istat giugno 2019

La variazione percentuale annuale dell’indice Istat FOI di giugno 2019 è del +0,5%.
Il 75% della variazione annuale, usato per il calcolo dell’aggiornamento della maggior parte dei canoni di locazione, è quindi pari a +0,375%.

Variazione biennale dell’indice Istat giugno 2019

La variazione percentuale dell’indice Istat FOI biennale di giugno 2019 (rispetto a giugno 2017) è del +1,7%. Il 75% vale quindi +1,275%.

Inflazione acquisita 2019

Sponsorizzato

Inflazione acquisita a giugno 2019 è del +0,7%. Questo è il valore dell’inflazione dall’inizio dell’anno. A dicembre avremo il valore definitivo dell’inflazione per il 2019.

Esempio calcolo aumento affitto giugno 2019

Il calcolo dell’aumento dell’affitto con gli indici di istat di giugno 2019 è semplice anche se eseguito a mano. Proviamo quindi a fare a meno del modulo automatico.

Prendiamo come esempio un un canone mensile di locazione di 750 euro e calcoliamo l’aumento con l’indice istat foi di giugno 2019 (+0,5%).

Se nel contratto è specificato di usare la misura del 100% dell’indice istat basterà aumentare dello 0,5% (in pratica +5 euro ogni mille) il canone precedente.
Potete moltiplicare la vecchia rata per il coefficiente 1,005 e ottenere così il nuovo canone.
Nuovo canone = Vecchio canone x 1,005 = € 750 x 1,005 = € 753,75 arrotondato a € 754,00.
754 euro sarà la nuova rata mensile dell’affitto.

Se nel contratto è specificato di usare la misura del 75% dell’indice istat, oppure non è specificato nulla, si dovrà ridurre l’indice al 75%.
Si calcola il 75% di +0,5%:
+0,5% x 0,75 = +0,375%.
Il nostro canone mensile di 750 euro aumenterà quindi del +0,375%:
Nuovo canone = Vecchio canone x 1,00375.

€ 750,00 x 1,00375 = € 752,8125, arrotondato a € 753,00.

Come il mese precedente, aumenti minimi delle rate del canone di locazione.

Vedi tutti gli indici Istat per il calcolo dell’aumento dell’affitto e le rivalutazioni monetarie.

Comuni alta tensione abitativa

Vedi anche: Sunia (Sindacato Unitario Nazionale Inquilini ed Assegnatari),
Uppi  (Unione piccoli proprietari immobiliari).

Indici Istat maggio 2019Indici Istat luglio 2019

Bonus edilizio: blocco cessioni del credito in vista

Bonus edilizio: allarme di Banca Intesa e Unicredit. Il limite alle cessioni del credito, introdotto recentemente per arginare il fenomeno delle truffe, rischia di...
Sponsorizzato

Gli ultimi indici ISTAT FOI

Indice ISTAT maggio 2022

A maggio, dopo il rallentamento di aprile, l’inflazione torna ad accelerare salendo a un livello che non si registrava da marzo 1986 (quando fu pari a +7,0%). Gli elevati aumenti dei prezzi dei Beni energetici continuano a essere il traino dell’inflazione (con quelli dei non regolamentati in accelerazione) e le loro conseguenze si propagano sempre più agli altri comparti merceologici, i cui accresciuti costi di produzione si riverberano sulla fase finale della commercializzazione. Accelerano infatti i prezzi al consumo di quasi tutte le altre tipologie di prodotto, con gli Alimentari lavorati che fanno salire di un punto la crescita dei prezzi del cosiddetto “carrello della spesa” che si porta a +6,7%, come non accadeva dal marzo 1986 (quando fu +7,2%)

Indice ISTAT aprile 2022

La stima definitiva di aprile accentua il rallentamento dell’inflazione registrato dai dati preliminari. Tale dinamica è imputabile per lo più all’inclusione del bonus energia (elettricità e gas) nel calcolo degli indici dei prezzi al consumo, resa possibile dalla disponibilità di stime sulla platea dei beneficiari (estesa dal primo aprile fino a comprendere circa 5 milioni di famiglie, 3 per il bonus elettricità e 2 per il bonus gas, con valenza retroattiva dal primo gennaio 2022). Le tensioni inflazionistiche continuano tuttavia a diffondersi ad altri comparti merceologici, quali i Beni durevoli e non durevoli, i Servizi relativi ai trasporti e gli Alimentari lavorati, con la crescita dei prezzi del cosiddetto “carrello della spesa” che si porta a +5,7%

Andamento nuove costruzioni e ristrutturazioni a febbraio 2022

Forte aumento congiunturale della produzione nelle costruzioni a febbraio 2022. L'ISTAT fornisce i dati (soggetti a revisione il prossimo...

Indice ISTAT marzo 2022

I dati ISTAT di marzo 2022 continuano a dipingere un quadro allarmante: l'inflazione si porta su valori che non si vedevano da trent'anni. I beni energetici non regolamentati continuano a dettare il ritmo dell'aumento dei prezzi.

Andamento nuove costruzioni e ristrutturazioni a gennaio 2022

L'ISTAT raccoglie ed elabora i dati relativi all'attività produttiva nelle costruzioni per la diffusione nazionale e l'invio a Eurostat...

Indice ISTAT febbraio 2022: +5,6%

I dati ISTAT definitivi di febbraio 2022 confermano quelli provvisori. Indice ISTAT FOI al 5,6% e indice ISTAT NIC al +5,7%
Sponsorizzato