Il modello F23

Compilazione online e download modello F23 editabile

Il modello F23 è un modello predisposto dall’Agenzia delle Entrate utilizzato per il versamento di alcune tipologie residuali di imposte, tasse e sanzioni. In particolare il modello f23 viene ancora utilizzato per:

  • imposte di registro, ipotecaria e catastale, gestite dagli uffici dell’Agenzia delle Entrate.
  • canoni per concessioni demaniali.
  • sanzioni inflitte da autorità giudiziarie e amministrative (per esempio, multe e contravvenzioni).

Il modello F23 in precedenza si usava per pagare l’imposta ipotecaria, le tasse ipotecarie, l’imposta di bollo e le sanzioni, dovuti in relazione ai servizi di aggiornamento dei registri immobiliari e al rilascio di certificati e copie, ma dal 1° gennaio 2020 queste imposte devono essere versate mediante il “modello F24 versamenti con elementi identificativi” (F24 ELIDE).
Leggi il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate.

Il modello F23
Sponsorizzato

Da questa pagina puoi scaricare il modello F23 editabile (con i campi compilabili anche online) e il semplice modello F23 dell’Agenzia delle Entrate da stampare e compilare a mano.

Attenzione! L’agenzia delle Entrate sta trasferendo tutti i pagamenti sul modello F24.

Download modello F23 compilabile

Download Modello F23 compilabile con i campi editabili e il calcolo automatico dei valori. L’F23 editabile permette di ottenere un modello più leggibile rispetto alla compilazione manuale. Ricordate di stamparne tre copie uguali.

Qui sotto il modello F23 editabile. Basta compilare la prima pagina, i dati immessi verranno inseriti nelle altre due copie, pronte per la stampa. In alcune lettori di file PDF e browser, per ottenere una stampa corretta, occorre digitare i due zeri decimali degli importi interi. In caso contrario, anche se vengono inseriti automaticamente dall’applicazione, potrebbero non essere stampati.

Controllare sempre accuratamente la corrispondenza dello stampato ai dati inseriti e la correttezza dei calcoli.

Modello F23 stampabile

Se occorre solo il modello F23 stampabile da compilare a mano puoi scaricarlo da qui: Download modello F23 stampabile dell’Agenzia delle Entrate, pronto per la stampa e utilizzabile per i pagamenti con le tre copie necessarie.

Scarica qui le istruzioni per la compilazione.

Viste le ristrettezze economiche in molti uffici il modello è introvabile. E’ ormai consuetudine dei vari uffici di consegnare una copia singola fotocopiata. Quando effettuerete il pagamento fatevi consegnare la copia della ricevuta.

Sponsorizzato

Il modello f23 può essere anche stampato in nero (www.finanze.it).

Scarica Acrobat reader per aprire i file scaricati.

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

Modello F24 editabileF24 elide  – Codici Tributo Registrazione affitto. Rimborso versamenti errati

L’applicazione F23 online dell’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate mette a disposizione di tutti gli utenti l’applicazione “F23” che permette di compilare e stampare il modello F23 passo passo attraverso le varie sezioni.

Ogni sezione mette a disposizione istruzioni ed elenchi per facilitare l’inserimento dei dati. I dati inseriti possono essere modificati in qualsiasi momento.

Applicazione F23 dell'Agenzia delle Entrate
Prima sezione dell’applicazione “F23” dell’Agenzia delle Entrate, che vi guiderà passo passo nella compilazione del modello di pagamento F23 stampabile

L’applicazione “F23” opera anche un controllo formale sui campi scelti e i dati inseriti. Indica quindi le inesattezze riscontrate dando la possibilità di correggere gli errori.

Una volta completato l’inserimento dei dati è possibile controllare il risultato nella pagina di riepilogo e in caso di controllo positivo procedere alla stampa del modello F23 compilato in ogni sua parte.

Software modello F23 dell’Agenzia delle Entrate

Indice ISTAT agosto 2022

Indice ISTAT FOI definitivo provvisorio agosto 2022 : +8,1% L'indice ISTAT FOI di AGOSTO 2022 si porta a 113,2 con un aumento mensile del...
Sponsorizzato

Indice ISTAT gennaio 2022

Indice ISTAT gennaio 2022 (FOI definitivo) : 107,7 punti L'indice ISTAT DI GENNAIO 2022 per le rivalutazioni monetarie aumenta del +1,4% su base...

Indici ISTAT FOI 2022 per gli affitti

Ultimi indici ISTAT per le rivalutazioni monetarie. Nel mese di agosto 2022 l’indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati,...

Indice ISTAT agosto 2022

Indice ISTAT FOI definitivo provvisorio agosto 2022 : +8,1% L'indice ISTAT FOI di AGOSTO 2022 si porta a 113,2 con un aumento mensile del...

Indice ISTAT luglio 2022

Indice ISTAT luglio 2022 : +7,8% L'indice ISTAT DI LUGLIO 2022 FOI definitivo si stima pari a 112,3 punti, in aumento del +0,4% su...

Indice ISTAT giugno 2022

Indice ISTAT giugno 2022 (FOI definitivo) : +7,8% L'indice ISTAT DI GIUGNO 2022 (FOI definitivo) si porta a 111,9 punti, in aumento del +1,2%...

Indice ISTAT maggio 2022

A maggio, dopo il rallentamento di aprile, l’inflazione torna ad accelerare salendo a un livello che non si registrava da marzo 1986 (quando fu pari a +7,0%). Gli elevati aumenti dei prezzi dei Beni energetici continuano a essere il traino dell’inflazione (con quelli dei non regolamentati in accelerazione) e le loro conseguenze si propagano sempre più agli altri comparti merceologici, i cui accresciuti costi di produzione si riverberano sulla fase finale della commercializzazione. Accelerano infatti i prezzi al consumo di quasi tutte le altre tipologie di prodotto, con gli Alimentari lavorati che fanno salire di un punto la crescita dei prezzi del cosiddetto “carrello della spesa” che si porta a +6,7%, come non accadeva dal marzo 1986 (quando fu +7,2%)

Indice ISTAT aprile 2022

La stima definitiva di aprile accentua il rallentamento dell’inflazione registrato dai dati preliminari. Tale dinamica è imputabile per lo più all’inclusione del bonus energia (elettricità e gas) nel calcolo degli indici dei prezzi al consumo, resa possibile dalla disponibilità di stime sulla platea dei beneficiari (estesa dal primo aprile fino a comprendere circa 5 milioni di famiglie, 3 per il bonus elettricità e 2 per il bonus gas, con valenza retroattiva dal primo gennaio 2022). Le tensioni inflazionistiche continuano tuttavia a diffondersi ad altri comparti merceologici, quali i Beni durevoli e non durevoli, i Servizi relativi ai trasporti e gli Alimentari lavorati, con la crescita dei prezzi del cosiddetto “carrello della spesa” che si porta a +5,7%
Sponsorizzato