La documentazione da presentare alla banca per il mutuo

Nel primo trimestre del 2018 ben l’80% delle compravendite immobiliari ha visto il ricorso al mutuo bancario per il finanziamento dell’acquisto. Il mutuo copre una parte rilevante del prezzo dell’immobile ed è quindi quasi sempre di importo elevato. Per questo la scelta del mutuo riveste un ruolo importante nel percorso di acquisto della casa. Bisogna quindi dedicargli la stessa attenzione impiegata per la ricerca della casa da acquistare.

L’importanza di muoversi in anticipo

Una volta scelto l’istituto bancario che meglio risponde alle esigenze di finanziamento occorre predisporre la documentazione da presentare. Con la documentazione la banca può verificare la fattibilità del finanziamento e quindi avviare l’istruzione della pratica di mutuo. Sembra un adempimento secondario nell’iter di compravendita, ma non è così: può rivelarsi determinante per la buona riuscita della trattativa. Muoversi in anticipo è sempre una buona mossa. Può capitare di essere interessati a un immobile particolarmente appetibile e vedersi bruciare sul tempo da un acquirente pronto a firmare proposte di acquisto o preliminari di vendita, mentre la nostra banca non può deliberare il mutuo perché la documentazione richiesta non è stata ancora presentata. Se cercate una casa e avete bisogno di un mutuo cominciate subito col contattare le banche per valutare le varie offerte. Quindi verificate, presentando la documentazione richiesta, la fattibilità dell’operazione.

Controllo documentazione mutuo
Le procedure per l’ottenimento del mutuo sono automatizzate, lasciando poco spazio alla discrezionalità del funzionario bancario. Sotto i rigidi controlli a cui sono sottoposte le banche oggi, i mutui vengono erogati se sono rispettati i parametri stabiliti dalla normativa. Il semaforo verde al finanziamento viene acceso da un software apposito dopo l’elaborazione della documentazione presentata.

Documentazione occorrente da presentare alla banca per una prima verifica di fattibilità del mutuo:

  • Documento d’identità valido (controllare la data di scadenza!).
  • Codice fiscale.
  • Estratto aggiornato dell’atto di matrimonio (con annotazione del regime patrimoniale).
  • Importo di acquisto dell’immobile o costo di ristrutturazione se il mutuo è per il relativo finanziamento.
  • Importo del finanziamento richiesto. Normalmente il massimo finanziabile è l’80% del prezzo di acquisto. L’importo è però molto variabile in funzione del profilo del richiedente, del reddito, del tipo di lavoro, dell’età, delle garanzie offerte, ecc…).
  • Eventuali immobili di proprietà o contratti di locazione se vivete in affitto.
  • Numero complessivo del nucleo familiare e persone a carico. Puoi auto-certificare, ma meglio portare uno Stato di famiglia.
  • Dati occupazionali: lavoratore dipendente o autonomo, anzianità di lavoro, settore e qualifica lavorativa, datore di lavoro se presente, Certificato d’iscrizione all’albo (solo per i liberi professionisti).
  • Finanziamenti in corso. Spesso una piccola rata per brevi finanziamenti può ostacolare la concessione del mutuo. In questo caso occorre procedere all’estinzione del finanziamento relativo, con conseguente perdita di tempo.

Con questi dati la banca verificherà l’incidenza totale sul reddito mensile. Infatti la rata finale del mutuo non può superare una percentuale del reddito del richiedente al fine di garantire la possibilità di rimborso del prestito. La percentuale è ovviamente variabile, ma si aggira mediamente intorno a un terzo delle entrate disponibili. Verificata la fattibilità occorrono altri documenti per l’effettiva delibera del mutuo.

Altri documenti per il mutuo

  • Ultima dichiarazione dei redditi.
  • Ultimi 2 o 3 cedolini del tuo stipendio.
  • Stato civile.
  • Atto di provenienza dell’immobile per il quale si richiede il mutuo e relativa nota di trascrizione (rogito, modello. 240 o il modello 4 dell’ufficio successioni per gli immobili ereditati).
  • Planimetria.
  • Visura catastale.
  • Documentazione relativa ad eventuali altri finanziamenti in corso.

Le informazioni contenute nella documentazione presentata determineranno la fattibilità del mutuo e predisporre la pratica da presentare al notaio per la stesura dell’atto. Ricordatevi di muovervi in anticipo e ottenere dalla banca la delibera del mutuo prima di impegnarvi in proposte di acquisto e preliminare di vendita. Capita che alle parole non seguano i fatti. A una garanzia verbale sull’ottenimento del mutuo da parte di un funzionario può non seguire la delibera della banca.

Annunci

Altro sul mutuo

Euribor

L'euribor è quel tasso usato per indicizzare le rate dei mutui a tasso variabile e che in passato è stato oggetto di manipolazioni. Ci dobbiamo ancora fidare?

Modello domanda sospensione mutuo

Download modello domanda sospensione mutuo Qui puoi scaricare il modello per la domanda di sospensione del pagamento delle rate del mutuo prima casa.La domanda di...

Mutuo a tasso fisso e mutuo a tasso variabile: calcolo rata.

Dopo la crisi del 2007 le banche hanno cominciato a pensarci molto più di noi prima di fare un mutuo. Oggi la situazione è cambiata e si rivedono i mutui al 100%. Noi, comunque, continuiamo a pensarci molto bene...

Le assicurazioni sul mutuo

Le assicurazioni sul mutuo rappresentano un costo aggiuntivo col quale è bene fare subito i conti. Una sola assicurazione è obbligatoria, ma

Imposte sul mutuo

Le imposte sui contratti di mutuo, l'imposta sostitutiva sui finanziamenti, aliquota dell'imposta sostitutiva, immobili diversi dalle abitazioni, imposta mutuo prima casa