Documentazione da presentare per ottenere il Sismabonus

Ecco la documentazione da presentare per ottenere il Sismabonus.
In questa lista trovate i documenti necessari per il Sismabonus, cioè le detrazioni fiscali previste per chi effettua ristrutturazioni edilizie antisismiche o per chi acquista un immobile antisismico.


Le agevolazioni fiscali “Sismabonus” sono state introdotte a partire dal 1° gennaio 2017 e prorogate di volta in volta dalle leggi di stabilità degli anni successivi.

Documentazione per ristrutturazione antisismica.

  • Comunicazione preventiva all’Asl con la data di inizio dei lavori, se prevista dalla normativa sulla sicurezza nei cantieri per la ristrutturazione eseguita.
  • Abilitazioni amministrative con la data di inizio lavori e la loro tipologia. In assenza di abilitazioni occorre l’autocertificazione che indichi la data di inizio lavori e la detraibilità delle spese sostenute per il miglioramento della classe di rischio dell’immobile.
  • Copia della ricevuta del bonifico con causale del versamento, codice fiscale del beneficiario della detrazione, partita Iva (o codice fiscale) del soggetto beneficiario del bonifico.
Sismabonus. Per ottenere le agevolazioni fiscali occorre presentare una mole di documentazione.
  • Fatture o ricevute fiscali delle spese sostenute per gli interventi edilizi.
  • Documentazione che attesti le spese per gli oneri di urbanizzazione, ritenute d’acconto, imposte di bollo, diritti di concessione, autorizzazioni e denuncia di inizio lavori, che normalmente non vengono effettuate con bonifico e per le quali non è prevista l’emissione di fattura.
  • Autocertificazione nella quale si dichiari che la somma delle spese sostenute da ogni richiedente le detrazioni non superi il limite consentito.
  • Dichiarazione dell’amministratore del condominio di aver rispettato tutti gli obblighi di legge con l’indicazione somma pagata e la detrazione relativa.
  • In caso di condominio minimo (composto per definizione da due soli proprietari, ma nella prassi fino a quattro), quindi non dotato di codice fiscale, occorre produrre un’autocertificazione che riporti i dati catastali delle unità immobiliari del condominio e la tipologia dei lavori edilizi eseguiti.
  • Asseverazione della classe di rischio dell’edificio (da A+, rischio minimo, a G, rischio massimo) precedente l’intervento e della classe di rischio ottenibile grazie al progetto di ristrutturazione antisismica realizzato.
  • Attestazione di conformità dei lavori di ristrutturazione al progetto presentato.
  • Atto di cessione dell’immobile, se nell’atto è previsto che la detrazione fiscale del Sismabonus venga mantenuta in favore del venditore che ha realizzato i lavori.
Autocertificazioni da presentare per ottenere il Sismabonus, la detrazione per i lavori di ristrutturazione antisismica o l'acquisto di immobili antisismici.

Documentazione per ottenere il Sismabonus per l’acquisto di case antisismiche.

Nel caso si richiedano le agevolazioni per l’acquisto di immobili antisismici occorre la seguente documentazione:

  • Serve naturalmente l’atto di acquisto dell’immobile.
  • documentazione da richiedere al tecnico che ha curato i lavori dalla quale risulti:
    • Tipologia di intervento effettuato.
    • Zona sismica (sono 4, per la Zona 4, a bassa pericolosità, non sono previste agevolazioni) nella quale è ubicato l’immobile.
    • Data di conclusione dei lavori edilizi.
    • Efficacia (asseverata dal tecnico) degli interventi realizzati per la riduzione del rischio sismico.
Sponsorizzato

Cliccando sul pulsante qui sotto puoi scaricare dal sito gazzettaufficiale.it la lista dei Comuni italiani con la classe di rischio sismico relativa

HomeFiscoAgevolazioni fiscaliDocumentazione da presentare per ottenere il Sismabonus

Indice ISTAT aprile 2022

Indici ISTAT di aprile 2022 sempre su valori elevati, ma in flessione rispetto a marzo 2022. I Beni energetici frenano la crescita, ma continua il loro effetto sugli altri composti di sopra.
Sponsorizzato

Indice ISTAT gennaio 2022

Indice ISTAT gennaio 2022 (FOI definitivo) : 107,7 punti L'indice ISTAT DI GENNAIO 2022 per le rivalutazioni monetarie aumenta del +1,4% su base...

Indici ISTAT FOI 2022 per gli affitti

Ultimi indici ISTAT per le rivalutazioni monetarie. Sono stati pubblicati gli indici Istat NIC provvisori del mese di aprile 2022. "Secondo le stime preliminari, nel mese...

Indice ISTAT aprile 2022

Indici ISTAT di aprile 2022 sempre su valori elevati, ma in flessione rispetto a marzo 2022. I Beni energetici frenano la crescita, ma continua il loro effetto sugli altri composti di sopra.

Indice ISTAT marzo 2022

I dati ISTAT di marzo 2022 continuano a dipingere un quadro allarmante: l'inflazione si porta su valori che non si vedevano da trent'anni. I beni energetici non regolamentati continuano a dettare il ritmo dell'aumento dei prezzi.

Indice ISTAT febbraio 2022: +5,6%

I dati ISTAT definitivi di febbraio 2022 confermano quelli provvisori. Indice ISTAT FOI al 5,6% e indice ISTAT NIC al +5,7%

Tabelle indici Istat FOI

L'ISTAT pubblica mensilmente gli indici dei prezzi al consumo e le loro variazioni annue e rispetto al mese precedente. Alla fine di ogni mese...

Calendario pubblicazione Indici ISTAT dei prezzi al consumo

Il calendario 2021 delle pubblicazioni degli indici nazionali Istat dei prezzi al consumo per le rivalutazioni monetarie.Alla fine di ogni mese vengono pubblicati gli indici provvisori, mentre quelli definitivi FOI sono pubblicati in genere a metà mese.
Sponsorizzato