HomeModelliComunicazione cessione fabbricato

Comunicazione cessione fabbricato

Cessione fabbricato

La comunicazione di cessione fabbricato all’Autorità di Pubblica Sicurezza è un obbligo in capo a chi vende un immobile, ne concede il godimento o anche solo l’ospitalità.

Il Decreto Legge n.79 del 20.06.2012 ha eliminato l’obbligo della comunicazione di “cessione di fabbricato” per i contratti di locazione, comodato d’uso e compravendita registrati presso l’Agenzia delle Entrate.

Sponsorizzato

L’obbligo permane, in ogni caso, se la cessione o l’ospitalità riguarda cittadini extracomunitari o apolidi, anche se parenti o affini.

Chi deve fare la comunicazione di cessione di fabbricato

La comunicazione deve essere effettuata dal proprietario dell’immobile o, in caso di sublocazione, dall’affittuario (conduttore).

Scarica il modulo per la dichiarazione di cessione di fabbricato

Entro quando va presentata la comunicazione di cessione di fabbricato

La comunicazione di cessione di fabbricato va presentata, anche telematicamente, entro 48 ore dall’avvenuta consegna dell’immobile, all’Autorità di Pubblica Sicurezza competente per territorio. Qualora non fossero presenti uffici della Polizia di Stato nel territorio, la comunicazione va presentata al Comune dove è ubicato l’immobile.

Nella comunicazione di cessione di fabbricato occorre indicare:

  • le generalità del denunciante e quelle dello straniero o apolide
  • gli estremi del documento di identificazione
  • l’ubicazione dell’immobile ceduto o in cui la persona è alloggiata.

ATTENZIONE! Si è obbligati alla denuncia di cessione di fabbricato anche se si ospita qualcuno o si cede in comodato d’uso un immobile per più di 30 giorni.

Comunicazioni per soggiorni inferiori ai 30 giorni. Schedine degli alloggiati.

L’articolo 109 del T.U.L.P.S. e il Decreto Ministeriale del 7 gennaio 2013 stabiliscono per i locatori o sublocatori di immobili o parti di essi con contratti di durata inferiore a 30 giorni, quindi non soggetti a registrazione, l’obbligo della comunicazione di cessione di fabbricato. I gestori dii B&B, di case vacanze e gli affittacamere anche non professionali, devono trasmettere telematicamente all’Autorità di Pubblica Sicurezza, le generalità delle persone alloggiate entro le 24 ore successive al loro arrivo. Se i soggiorni sono inferiori alle 24 ore la comunicazione va fatta all’arrivo.
L’adempimento si esplica tramite il portale alloggiatiweb, al quale si può accedere dopo aver ottenuto le credenziali dalla Questura.

In caso di malfunzionamento del portale “Alloggiati Web” della Polizia di Stato, è possibile inviare le schedine degli alloggiati tramite fax o posta elettronica certificata.

Indice ISTAT settembre 2022

Indice ISTAT NIC provvisorio settembre 2022 : +--% L'indice ISTAT NIC provvisorio del mese di settembre 2022 si stima a 115,7 punti con un...
Sponsorizzato

Indice ISTAT gennaio 2022

Indice ISTAT gennaio 2022 (FOI definitivo) : 107,7 punti L'indice ISTAT DI GENNAIO 2022 per le rivalutazioni monetarie aumenta del +1,4% su base...

Indici ISTAT FOI 2022 per gli affitti

Ultimi indici ISTAT per le rivalutazioni monetarie. Nel mese di agosto 2022 l’indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati,...

Indice ISTAT agosto 2022

Indice ISTAT FOI definitivo agosto 2022 : +8,1% L'indice ISTAT FOI di AGOSTO 2022 si porta a 113,2 con un aumento mensile del +0,8%...

Indice ISTAT settembre 2022

Indice ISTAT NIC provvisorio settembre 2022 : +--% L'indice ISTAT NIC provvisorio del mese di settembre 2022 si stima a 115,7 punti con un...

Indice ISTAT luglio 2022

Indice ISTAT luglio 2022 : +7,8% L'indice ISTAT DI LUGLIO 2022 FOI definitivo si stima pari a 112,3 punti, in aumento del +0,4% su...

Indice ISTAT giugno 2022

Indice ISTAT giugno 2022 (FOI definitivo) : +7,8% L'indice ISTAT DI GIUGNO 2022 (FOI definitivo) si porta a 111,9 punti, in aumento del +1,2%...

Indice ISTAT maggio 2022

A maggio, dopo il rallentamento di aprile, l’inflazione torna ad accelerare salendo a un livello che non si registrava da marzo 1986 (quando fu pari a +7,0%). Gli elevati aumenti dei prezzi dei Beni energetici continuano a essere il traino dell’inflazione (con quelli dei non regolamentati in accelerazione) e le loro conseguenze si propagano sempre più agli altri comparti merceologici, i cui accresciuti costi di produzione si riverberano sulla fase finale della commercializzazione. Accelerano infatti i prezzi al consumo di quasi tutte le altre tipologie di prodotto, con gli Alimentari lavorati che fanno salire di un punto la crescita dei prezzi del cosiddetto “carrello della spesa” che si porta a +6,7%, come non accadeva dal marzo 1986 (quando fu +7,2%)
Sponsorizzato