HomeFiscoCodici tributo IMU per F24

Codici tributo IMU per F24

Tabella codici tributo Imu

Tipo di imposta
Soggetto attivo
Codice tributo
IMU abitazione principale e relative pertinenze (solo se delle categorie catastali A/1, A/8 oppure A/9, le altre sono esenti)
Comune
3912
IMU fabbricati rurali ad uso strumentale
Comune
3913
IMU terreni
Comune
3914
IMU terreni
Stato
3915
IMU aree fabbricabili
Comune
3916
IMU aree fabbricabili
Stato
3917
IMU altri fabbricati (seconde case)
Comune
3918
IMU altri fabbricati (seconde case)
Stato
3919
IMU – Interessi da accertamento
Comune
3923
IMU – Sanzioni da accertamento
Comune
3924
imposta municipale propria per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D
Stato
3925
IMU immobili a uso produttivo classificati nel gruppo catastale D – incremento comune
Comune
3930

IMU è l’acronimo di “Imposta Municipale Propria introdotta in sostituzione dell’IRPEF sugli immobili e dell’ICI. L’IMU è entrata in vigore nel 2012 con il decreto Salva Italia. In origine l’IMU era stata introdotta anche per la prima casa. L’IMU per la prima casa è stata cancellata dal governo Letta (non per le categorie catastali A1 A8 e A9). In seguito, con la legge di stabilità 2016, l’IMU è stata cancellata anche per i terreni agricoli e gli imbullonati (macchinari e impianti ancorati al suolo o incorporati nella costruzione, ma anche smontabili e trasferibili, oppure ceduti.

Chi deve pagare l’IMU

L’Imu deve essere pagata dal possessore (cioè chi ha la proprietà o altro diritto reale) di immobili, escluse le abitazioni principali non appartenenti alle categorie catastali a1 a8 e a9, i terreni agricoli di coltivatori diretti e Iap, quelli ricadenti in aree montane e quelli ubicati nelle isole minori.

Sponsorizzato

L’IMU può essere pagata anche con il modello F24 semplificato che si compone di un’unica pagina. Il modello f24 semplificato in un’unica pagina facilita la spedizione postale da parte dei Comuni per le richieste di pagamento dell’IMU. Si riducono, inoltre, i costi per l’archiviazione.

Indice ISTAT agosto 2022

Indice ISTAT FOI definitivo provvisorio agosto 2022 : +8,1% L'indice ISTAT FOI di AGOSTO 2022 si porta a 113,2 con un aumento mensile del...
Sponsorizzato

Indice ISTAT gennaio 2022

Indice ISTAT gennaio 2022 (FOI definitivo) : 107,7 punti L'indice ISTAT DI GENNAIO 2022 per le rivalutazioni monetarie aumenta del +1,4% su base...

Indici ISTAT FOI 2022 per gli affitti

Ultimi indici ISTAT per le rivalutazioni monetarie. Nel mese di agosto 2022 l’indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati,...

Indice ISTAT agosto 2022

Indice ISTAT FOI definitivo provvisorio agosto 2022 : +8,1% L'indice ISTAT FOI di AGOSTO 2022 si porta a 113,2 con un aumento mensile del...

Indice ISTAT luglio 2022

Indice ISTAT luglio 2022 : +7,8% L'indice ISTAT DI LUGLIO 2022 FOI definitivo si stima pari a 112,3 punti, in aumento del +0,4% su...

Indice ISTAT giugno 2022

Indice ISTAT giugno 2022 (FOI definitivo) : +7,8% L'indice ISTAT DI GIUGNO 2022 (FOI definitivo) si porta a 111,9 punti, in aumento del +1,2%...

Indice ISTAT maggio 2022

A maggio, dopo il rallentamento di aprile, l’inflazione torna ad accelerare salendo a un livello che non si registrava da marzo 1986 (quando fu pari a +7,0%). Gli elevati aumenti dei prezzi dei Beni energetici continuano a essere il traino dell’inflazione (con quelli dei non regolamentati in accelerazione) e le loro conseguenze si propagano sempre più agli altri comparti merceologici, i cui accresciuti costi di produzione si riverberano sulla fase finale della commercializzazione. Accelerano infatti i prezzi al consumo di quasi tutte le altre tipologie di prodotto, con gli Alimentari lavorati che fanno salire di un punto la crescita dei prezzi del cosiddetto “carrello della spesa” che si porta a +6,7%, come non accadeva dal marzo 1986 (quando fu +7,2%)

Indice ISTAT aprile 2022

La stima definitiva di aprile accentua il rallentamento dell’inflazione registrato dai dati preliminari. Tale dinamica è imputabile per lo più all’inclusione del bonus energia (elettricità e gas) nel calcolo degli indici dei prezzi al consumo, resa possibile dalla disponibilità di stime sulla platea dei beneficiari (estesa dal primo aprile fino a comprendere circa 5 milioni di famiglie, 3 per il bonus elettricità e 2 per il bonus gas, con valenza retroattiva dal primo gennaio 2022). Le tensioni inflazionistiche continuano tuttavia a diffondersi ad altri comparti merceologici, quali i Beni durevoli e non durevoli, i Servizi relativi ai trasporti e gli Alimentari lavorati, con la crescita dei prezzi del cosiddetto “carrello della spesa” che si porta a +5,7%
Sponsorizzato