Codici tributo 6890 e 6891

Quando si realizzano interventi per il miglioramento del risparmio energetico e interventi che riducono il rischio sismico su parti comuni degli edifici si ha diritto a importanti detrazioni fiscali. Poiché le detrazioni sono sfruttabili portandole in compensazione di altri tributi, non sempre è possibile usufruirne. Questo succede quando non si hanno tributi da pagare o i tributi sono inferiori alle detrazione di cui si può beneficiare.

La detrazione spettante e il relativo credito d’imposta ceduto possono essere utilizzati in cinque quote annuali per il Sismabonus e dieci per l’Ecobonus, ma soltanto in compensazione e presentando l’F24 esclusivamente tramite i servizi telematici.

Sponsorizzato

L’agenzia delle Entrate ha quindi provveduto a istituire due nuovi codici tributo per la compensazione delle quote annuali del credito d’imposta ceduto.

Codice tributo 6890 “Ecobonus”

Per la compensazione del credito d’imposta “Ecobomus” ceduto va utilizzato il codice tributo 6890 denominato “ECOBONUS’.
Il credito d’imposta può essere utilizzato in dieci quote annuali. L’F24 relativo va presentato esclusivamente con modalità telematica.

Codice tributo 6891 “Sismabonus”

Per la compensazione in F24 del credito d’imposta “Sismabonus” ceduto va utilizzato il codice tributo 6890 denominato “Sismabonus’.
Il Sismabonus può essere utilizzato in cinque quote annuali. Anche per il Sismabonus L’F24 va presentato esclusivamente con modalità telematica.

Come si usano i codici tributo 6890 e 6891

I codici tributo 6890 e 6891 vanno inseriti nella sezione “Erario” del modello f24, come “importi a credito compensati”. Per i  “riversamenti”, invece, vanno inseriti come “importi a debito versati”. Col riversamento, infatti, si restituiscono eventuali compensazioni effettuate alle quali non si aveva diritto.

Per poter usufruire dei crediti ceduti occorre che l’Agenzia delle Entrate ne abbia ricevuto comunicazione dagli amministratori del condominio o dai condomini incaricati. Inoltre il cessionario (colui al quale si cede il credito d’imposta) deve aver espresso la sua accettazione.

Nel campo “anno di riferimento” va inserito l’anno per il quale si usa la quota del credito, non l’anno nel quale si sono effettuate le spese.

Per spese sostenute nel 2017 l’anno di riferimento della prima quota è il 2018, quello della seconda è il 2019 e così via. Una quota non utilizzata in un anno può essere utilizzata in anni successivi, ma riportando sempre l’anno di riferimento originario.

HomeFiscoCodici tributo 6890 e 6891

Indice ISTAT aprile 2022

Indici ISTAT di aprile 2022 sempre su valori elevati, ma in flessione rispetto a marzo 2022. I Beni energetici frenano la crescita, ma continua il loro effetto sugli altri composti di sopra.
Sponsorizzato

Indice ISTAT gennaio 2022

Indice ISTAT gennaio 2022 (FOI definitivo) : 107,7 punti L'indice ISTAT DI GENNAIO 2022 per le rivalutazioni monetarie aumenta del +1,4% su base...

Indici ISTAT FOI 2022 per gli affitti

Ultimi indici ISTAT per le rivalutazioni monetarie. Sono stati pubblicati gli indici Istat NIC provvisori del mese di aprile 2022. "Secondo le stime preliminari, nel mese...

Indice ISTAT aprile 2022

Indici ISTAT di aprile 2022 sempre su valori elevati, ma in flessione rispetto a marzo 2022. I Beni energetici frenano la crescita, ma continua il loro effetto sugli altri composti di sopra.

Indice ISTAT marzo 2022

I dati ISTAT di marzo 2022 continuano a dipingere un quadro allarmante: l'inflazione si porta su valori che non si vedevano da trent'anni. I beni energetici non regolamentati continuano a dettare il ritmo dell'aumento dei prezzi.

Indice ISTAT febbraio 2022: +5,6%

I dati ISTAT definitivi di febbraio 2022 confermano quelli provvisori. Indice ISTAT FOI al 5,6% e indice ISTAT NIC al +5,7%

Tabelle indici Istat FOI

L'ISTAT pubblica mensilmente gli indici dei prezzi al consumo e le loro variazioni annue e rispetto al mese precedente. Alla fine di ogni mese...

Calendario pubblicazione Indici ISTAT dei prezzi al consumo

Il calendario 2021 delle pubblicazioni degli indici nazionali Istat dei prezzi al consumo per le rivalutazioni monetarie.Alla fine di ogni mese vengono pubblicati gli indici provvisori, mentre quelli definitivi FOI sono pubblicati in genere a metà mese.
Sponsorizzato