Codice fiscale e tessera sanitaria

Cos'è il codice fiscale, come viene attribuito, come richiederlo. Smarrimento e richiesta tessera sanitaria con il codice fiscale. Modulo di calcolo del codice fiscale secondo l'algoritmo dell'Agenzia delle Entrate, solo per scopo dimostrativo e di controllo. Dati diversi possono generare lo stesso codice fiscale. In questo caso l'Agenzia ne rilascia un altro differente non corrispondente a quello ottenuto con questo modulo.

0
576
Tessera sanitaria con codice fiscale

Programma per il calcolo del codice fiscale

Questo programma genera il codice fiscale gratis a partire dai dati inseriti, ma non ha valore ufficiale e va utilizzato solo per verifica e nessun’altro scopo.

Immo+ declina ogni responsabilità per eventuali danni di qualsivoglia natura subiti in seguito all’uso improprio di questo script.

Solo il Ministero delle Finanze è in potere di attribuire il codice fiscale ad un individuo, perché tiene conto di eventuali duplicati, di nuovi codici per comuni di recente costituzione, e degli stati esteri non codificati.

A B C D E F G H I J L M N O P Q R S T U V Z ESTERO



Autore dello script: Fabio TUCOL

Richiesta Codice Fiscale

Il cittadino sprovvisto del codice fiscale può richiederlo a un qualsiasi Ufficio dell’Agenzia delle Entrate.

Nella richiesta di attribuzione il cittadino deve indicare le generalità anagrafiche e l’esatto domicilio fiscale, presso il quale verrà recapitata la tessera con l’indicazione del codice fiscale attribuito.

E’ richiesto naturalmente un documento di riconoscimento valido. Per i minori la richiesta viene presentata dal genitore.

Il cittadino di un Paese che non fa parte dell’Unione Europea può esibire:

  • passaporto valido, con relativo visto se prescritto o altro documento riconosciuto dalle autorità italiane;
  • attestazione di identità rilasciata da rappresentanza diplomatica o rappresentanza consolare in Italia del paese di appartenenza (con foto);
  • permesso di soggiorno valido;
  • carta d’identità.

Il codice  serve a identificare le persone fisiche e i soggetti diversi dalle persone fisiche nei i rapporti con gli enti e l’amministrazione pubblica.

ATTENZIONE
L’unico codice fiscale valido è quello rilasciato dall’Agenzia delle Entrate. L’utilizzo di codici non validi può comportare seri problemi.

codice fiscale

RILASCIO CODICE FISCALE

  • Neonati. L’attribuzione viene effettuata dai Comuni alla loro iscrizione nei registri d’anagrafe.
  • Stranieri. L’attribuzione viene effettuata dagli Sportelli Unici per l’Immigrazione, per il lavoro subordinato e il ricongiungimento familiare, ai quali è presentata la domanda di ingresso nel territorio.
    Le Questure, tramite collegamento telematico con l’Anagrafe Tributaria, attribuiscono il codice fiscale ai cittadini stranieri che ne richiedono il rilascio o il rinnovo del permesso di soggiorno.
  • Residenti all’estero I cittadini residenti all’estero possono chiedere l’attribuzione  alla rappresentanza diplomatico-consolare italiana .

La generazione e produzione del codice fiscale e l’invio della relativa tessera sono a cura esclusiva dell’Agenzia delle Entrate e nessun soggetto esterno, tranne la Sogei – Società Generale d’Informatica S.p.A. può produrre programmi per la sua generazione  e tanto meno stamparlo.

Cos’è l’omocodia

Se due (o più) soggetti hanno dati anagrafici che generano lo stesso codice fiscale (OMOCODICI) l’Agenzia delle Entrate provvede ad attribuirne uno nuovo.

I soggetti diversi dalle persone fisiche

Gli enti, le associazioni, le fondazioni, i condomini, le parrocchie, e tutti i soggetti privi di partita iva e diversi dalle persone fisiche, ma sono obbligati alla indicazione del codice fiscale, ne devono fare richiesta all’Agenzia delle Entrate.

Il codice fiscale dei soggetti che non sono persone fisiche è formato da undici caratteri numerici: i primi sette servono a individuare il contribuente, gli altri tre rappresentano il codice dell’Ufficio, l’ultimo è il carattere di controllo.