sabato, 28 Marzo, 2020

Ultimi articoli

Indici ISTAT febbraio 2020

Indice ISTAT febbraio 2020 (FOI definitivo): +0,2% Indice ISTAT FOI definitivo al netto dei tabacchi di febbraio 2020: -0,2%...

Andamento compravendite immobili in Italia

Un buon +4,8% è il dato incoraggiante dell'andamento delle compravendite di immobili residenziali in Italia nel 3° trimestre del 2019 (luglio-agosto-settembre).

Mercato immobiliare compravendite immobili nel 3° trimestre 2019

Compravendite +4,8% in un anno Forte aumento delle compravendite immobiliari nel 3° trimestre 2019: rispetto all'anno scorso, infatti, il...

Bonus facciate 2020

L'introduzione del "Bonus facciate" è sicuramente una delle novità più rilevanti della manovra finanziaria 2020. Cos'è il "Bonus facciate"

Codice fiscale, algoritmo e calcolo codice fiscale online

Annunci

Calcolatore online codice fiscale

Il calcolatore del codice fiscale è un fac-simile dell’attuale tesserino del codice fiscale rilasciato dall’Agenzia delle Entrate quando il soggetto richiedente non ha diritto all’assistenza sanitaria.

Il codice fiscale generato da questo calcolatore può differire, in caso di omocodia, da quello effettivamente attribuito dall’Agenzia delle Entrate.
Usare solo per verifica.

Il calcolatore proposto genera il codice fiscale a partire dai dati anagrafici inseriti. Il calcolo viene eseguito secondo l’algoritmo dell’Agenzia delle Entrate.
I dati inseriti utilizzati per il calcolo sono elaborati dal vostro dispositivo e non vengono inviati al server.
L’effettiva validità del codice generato può però essere controllata solo dall’Agenzia delle Entrate che, in caso di omocodia, apporta delle modifiche per assicurarne l’univocità.

Il codice fiscale, riportato sula tessera sanitaria, viene richiesto in tutti gli adempimenti fiscali, nella redazione di contratti, atti e nella compilazione di semplici moduli. Nel settore immobiliare va inserito nel modulo RLI per la registrazione del contratto di locazione, nella proposta di acquisto, nei contratti di locazione, nell’informativa per la privacy, ecc..

Codice fiscale, algoritmo e calcolo codice fiscale online 1

Richiesta Codice Fiscale

La richiesta va presentata presso un qualsiasi ufficio dell’Agenzia delle Entrate. Indispensabile un documento di riconoscimento valido. I minorenni non possono richiederlo direttamente, ma devono farlo i genitori per loro.

Richiesta codice fiscale stranieri

Annunci

Anche un cittadino extra-comunitario può richiederlo. In questo caso deve presentare:

  • Passaporto valido o altro documento riconosciuto dalle autorità italiane.
  • Attestazione di identità riportante la fotografia e rilasciata dalla rappresentanza diplomatica o consolare in Italia del proprio paese.
  • Permesso di soggiorno valido.
  • Carta d’identità.

ATTENZIONE L’Agenzia delle Entrate rilascia l’unico codice fiscale valido. L’utilizzo di codici non validi può comportare serie conseguenze.

RILASCIO CODICE FISCALE

  • Ai neonati viene attribuito dai Comuni.
  • Per gli stranieri viene rilasciato dagli Sportelli Unici per l’Immigrazione, per il lavoro subordinato e il ricongiungimento familiare. Le Questure, tramite collegamento telematico con l’Anagrafe Tributaria, attribuiscono il codice fiscale ai cittadini stranieri che lo richiedono o al rinnovo del permesso di soggiorno.
  • Per i residenti all’estero il rilascio del codice fiscale viene effettuato dalla rappresentanza diplomatico-consolare italiana.

L’Agenzia delle Entrate cura la generazione e produzione del codice fiscale e l’invio della relativa tessera. Nessun altro soggetto esterno, infatti, tranne la Sogei – Società Generale d’Informatica S.p.A. può produrre programmi per la sua generazione e tanto meno stamparlo.

Cos’è l’omocodia

Codice fiscale, algoritmo e calcolo codice fiscale online 2

L’algoritmo per il calcolo del codice fiscale non è dei migliori. Infatti, al momento della sua scelta non è stata presa in adeguata considerazione la facilità con la quale genera sequenze alfanumeriche identiche anche a partire da dati diversi (omocodia).

Poiché è assolutamente necessario che il codice sia univoco, cioè diverso per ogni persona, l’Agenzia delle Entrate provvede in questi casi a un nuovo calcolo e ad attribuirne un altro corretto.

I soggetti diversi dalle persone fisiche

Il codice fiscale di soggetti che non sono persone fisiche e privi di partita IVA, come enti, associazioni, fondazioni, condomini, parrocchie, è formato da undici caratteri numerici.

I primi sette servono a individuare il contribuente, gli altri tre rappresentano il codice dell’Ufficio, l’ultimo è il carattere di controllo.

Vedi anche: Calcolo piano ammortamento mutuoCalcolatore mutuo

Algoritmo generatore del codice fiscale

Un algoritmo è un procedimento di un numero finito di calcoli che portano alla risoluzione di un problema.
In un algoritmo l’introduzione di determinati dati di partenza porta in modo univoco, finito e riproducibile da chiunque alla generazione dei medesimi risultati.

Come vengono determinati i caratteri del codice fiscale

Il numero di codice fiscale delle persone fisiche è costituito da una sequenza di sedici lettere e cifre.

algoritmo codice fiscale

Vengono determinati con un algoritmo che li calcola a partire dai dati anagrafici.

  • 1°, 2° e 3° carattere sono tre lettere che derivano dal cognome.
  • 4°, 5° e 6° carattere sono altre tre lettere che derivano dal nome.
  • 7° e 8° carattere sono due numeri che rappresentano l’anno di nascita.
  • 9° carattere è una lettera per il mese di nascita.
  • 10° e 11° carattere sono due numeri per il giorno di nascita e il sesso.
  • 12°, 13°, 14° e 15° caratteri, una lettera e tre numeri, sono il codice del comune o dello Stato estero di nascita.
  • 16° carattere è una lettera di controllo, calcolata a partire da tutte le altre.

Come si determinano i caratteri indicativi del cognome

I cognomi si considerano scritti senza spazi, interruzioni o apostrofi.
D’Alessio diventa dalessio, Di Battista diventa dibattista.
Per le donne sposate si considera il cognome da nubile.

Le prime tre lettere del codice fiscale sono la prima, la seconda e la terza consonante del cognome, prese nell’ordine.

Nel caso di cognome con solo due consonanti si prendono le due consonanti, sempre nell’ordine, e la prima vocale.

Se la consonante è una sola la si fa seguire dalla prima e la seconda vocale.
Quando il cognome è costituito da una consonante e da una vocale, si prendono nell’ordine la consonante, la vocale e si aggiunge una x.

Se nel cognome ci sono solo due vocali, si prendono nell’ordine e si aggiunge una x.

Come si determinano i caratteri indicativi del nome

Nell’algoritmo del codice fiscale anche i nomi, come i cognomi, si considerano scritti senza spazi e interruzioni.

Maria Elisa, per esempio, diventa mariaelisa.

Abbiamo visto che dal nome derivano il 4°, il 5° e il 6° carattere. Ma si è dato spazio alla fantasia e allora:
Il 4°, 5° e 6° carattere del codice fiscale sono costituiti, nell’ordine, dalla prima, la terza e la quarta consonante del nome.

Se manca la quarta consonante si prendono la prima, la seconda e la terza.
Per i cognomi con due sole consonanti si prendono nell’ordine e vi si aggiunge la prima vocale, sperando che ci sia.

Se il nome è costituito da una consonante e due vocali, alla consonante si aggiungono la prima e la seconda vocale. Per esempio Eva genera il codice VEA.

Se nel nome ci sono una sola consonante e una sola vocale, si prende la consonante, quindi la vocale e vi si aggiunge una x.
Il nome cinese Lu genera il codice LUX.

Infine, se il nome è costituito da due sole vocali, si prendono nell’ordine e si aggiunge il nostro jolly x.

Come si determinano i caratteri per la data, sesso e luogo di nascita

Il settimo e l’ottavo carattere del codice fiscale sono i due numeri corrispondenti alle ultime due cifre dell’anno di nascita.
Questa è facile: 1986 diventa 86.
Non si è pensato, però, ai centenari. Così 1919 e 2019 generano entrambi 19.

Il 9° carattere del codice fiscale è una lettera corrispondente al mese di nascita, ricavato dalla conversione seguente.

Gennaio = AMaggio = ESettembre = P
Febbraio = BGiugno = HOttobre = R
Marzo = CLuglio = LNovembre = S
Aprile = DAgosto = MDicembre = T

Giorno di nascita e sesso

Il 10° e l’11° carattere del codice fiscale indicano, insieme, il giorno di nascita e il sesso, vediamo come:

  • Per i maschi si prende il giorno di nascita tale e quale. I giorni dall’1 al nove sono preceduti da 0.
  • Per le femmine si aggiunge 40 al giorno di nascita.

Quindi avremo numeri da 01 a 31 per i maschi e da 41 a 71 per le femmine.
Se mi chiedete perché è così importante sapere se siamo maschi o femmine, non lo so. Barro la casellina “M o F” chiedendomelo anch’io.

Codice luogo di nascita

12°, 13°, 14° e 15° carattere (una lettera e tre numeri) del codice fiscale sono determinati dal luogo di nascita, secondo la codifica catastale dei comuni.

Persone fisiche con identica espressione alfanumerica (omocodia)

Quando due o più soggetti hanno dati anagrafici che generano lo stesso codice fiscale (omocodici), si provvede a differenziarli.

A tal fine, si effettuano, nell’ambito dei sette caratteri numerici contenuti nel codice, sistematiche sostituzioni di una o più cifre a partire da quella di destra, con corrispondenti caratteri alfabetici secondo la seguente tabella:

0 = L1 = M2 = N3 = P4 = Q
5 = R6 = S7 = T8 = U9 = V

Calcolo del carattere alfabetico di controllo

Il sedicesimo carattere viene calcolato a partire da tutti gli altri ed ha una funzione di controllo.

  1. Ognuno dei 15 primi caratteri del codice fiscale viene convertito con le seguenti modalità.

Per gli otto caratteri in posizione dispari:

A o 0 = 1F o 5 = 13K = 2P = 3U = 16
B o 1 = 0G o 6 = 15L = 4Q = 6V = 10
C o 2 = 5H o 7 = 17M = 18R = 8W = 22
D o 3 = 7I o 8 = 19N = 20S = 12X = 25
E o 4 = 9J o 9 = 21O = 11T = 14Y = 24
Z = 23

Per i sette caratteri in posizione pari:

A o 0 = 0F o 5 = 5K = 10P = 15U = 20
B o 1 = 1G o 6 = 6L = 11Q = 16V = 21
C o 2 = 2H o 7 = 7M = 12R = 17W = 22
D o 3 = 3I o 8 = 8N = 13S = 18X = 23
E o 4 = 4J o 9 = 9O = 14T = 19Y = 24
Z = 25

2. I 15 numeri che si ottengono vengono sommati e quindi divisi per 26.

3. Si converte il resto divisione (un numero compreso fra 0 e 25) secondo la seguente tabella. La lettera corrispondente è il nostro carattere di controllo.

0 = A5 = F10 = K15 = P20 = U
1 = B6 = G11 = L16 = Q21 = V
2 = C7 = H12 = M17 = R22 = W
3 = D8 = I13 = N18 = S23 = X
4 = E9 = J14 = O19 = T24 = Y
25 = Z

Torna suTorna su

Vedi anche il sito dell’Agenzia delle Entrate

Latest Posts

Indici ISTAT febbraio 2020

Indice ISTAT febbraio 2020 (FOI definitivo): +0,2% Indice ISTAT FOI definitivo al netto dei tabacchi di febbraio 2020: -0,2%...

Andamento compravendite immobili in Italia

Un buon +4,8% è il dato incoraggiante dell'andamento delle compravendite di immobili residenziali in Italia nel 3° trimestre del 2019 (luglio-agosto-settembre).

Mercato immobiliare compravendite immobili nel 3° trimestre 2019

Compravendite +4,8% in un anno Forte aumento delle compravendite immobiliari nel 3° trimestre 2019: rispetto all'anno scorso, infatti, il...

Bonus facciate 2020

L'introduzione del "Bonus facciate" è sicuramente una delle novità più rilevanti della manovra finanziaria 2020. Cos'è il "Bonus facciate"

Da non perdere

Calcolo superficie commerciale

Non esiste un metodo unico per il calcolo della superficie commerciale di un immobile. Immoplus usa quello suggerito da Tecnoborsa che è diventato lo standard di fatto in materia. La sensibilità e l'esperienza dell'operatore possono fare la differenza nella corretta determinazione della superficie commerciale che altro non è che la sintesi del contributo che le varie superfici danno al valore di un immobile.

Tasso interessi legali 2020

Torna leggermente a salire il tasso d'interesse legale nel 2019. Passa infatti allo 0,8% dallo 0,3% dell'anno precedente. I pagamenti ritardati avranno costi leggermente superiori.

La trascrizione del preliminare

La trascrizione del preliminare è sempre una buona idea. L'immobile diventa inattaccabile da iscrizioni e trascrizione nel periodo che precede il rogito e, in caso di fallimento del costruttore, ci rende creditori privilegiati. Un piccolo costo in più, ma una grande assicurazione per il futuro

Riacquisto prima casa

Se decidiamo di vendere un immobile per il quale abbiamo usufruito delle agevolazioni "prima casa" per riacquistarne un altro,non è detto che dovremo pagare di novo le imposte sull'acquisto. Potremo infatti scontare le nuove imposte con quanto pagato nell'acquisto precedente..

Richiesta aggiornamento affitto

La richiesta dell'aggiornamento dell'affitto va effettuata tramite lettera raccomandata o comunicazione equivalente (posta elettronica certificata, consegna a mano con firma di ricevuta).