Ultimo aggiornamento

Il calcolatore della superficie commerciale che segue usa le percentuali di ponderazione messe a punto da Tecnoborsa in collaborazione con l’Agenzia delle Entrate, diventate lo standard di fatto in tema di calcolo delle superfici commerciali

La superficie commerciale è la somma ponderata delle superfici degli elementi che compongono un immobile. Viene calcolata al fine di attribuire un prezzo il più vicino possibile al valore di mercato mettendo nel giusto conto le superfici dei vani principali, di quelli accessori come cantine e sottotetti e delle superfici scoperte come giardini e cortili. Ponderata vuol dire che è ricavata attribuendo un “peso” diverso alle varie superfici, correggendole con dei coefficienti, secondo l’esperienza commerciale, la prassi e le consuetudini consolidate.

Si ricorda che:

  • La superficie commerciale non è la superficie catastale, anche se per per praticità molti le fanno corrispondere. La superficie catastale infatti è un dato facilmente acquisibile tramite una semplice visura e in genere non si discosta eccessivamente da quella commerciale.
  • La superficie commerciale non è la superficie lorda.
  • La superficie commerciale non è la superficie calpestabile.

E’ facoltà dell’operatore che procede alla stima adottare, secondo la propria sensibilità ed esperienza, coefficienti correttivi diversi dalla norma, ma che meglio esprimono i valori immobiliari. I coefficienti correttivi possono così variare secondo le zone, le caratteristiche del mercato e il singolo operatore.

Questa caratteristica la differenzia notevolmente dalla superficie catastale, istituita a fini fiscali e determinata secondo precise norme tecniche di legge.

Nel tempo si è sentita comunque la necessità di una base di calcolo uniforme su tutto il territorio nazionale e questa base viene adottata anche nel calcolatore proposto.