HomeFiscoAgevolazioni fiscaliBonus prima casa under 36

Bonus prima casa under 36

Bonus prima casa under 36 prorogato fino a tutto il 2022.

Buone notizie dalla finanziaria 2022 anche per i giovani che hanno intenzione di comprare casa.
Sono estese al 31 dicembre 2022 le agevolazioni fiscali per l’acquisto della prima casa previste dalla precedente normativa e che sarebbero scadute il 30 giugno 2022.

Le condizioni per il ottenere il bonus prima casa under 36

Sponsorizzato

Le agevolazioni fiscali per l’acquisto della prima casa, introdotte dal decreto “Sostegni bis’, sono rivolte allei persone che non abbiano ancora compiuto 36 anni nell’anno solare in cui fanno la richiesta e il cui ISEE non sia superiore a 40mila euro.

Attenzione! L’agevolazione non è ottenibile per chi compie i 36 anni nello stesso anno in cui stipula l’atto di compravendita per la prima casa.

Es:
Atto stipulato il 14 marzo 2022 e compimento dei 36 anni il 15 dicembre 2022: nessuna agevolazione.
Atto stipulato il 14 marzo 2022 e compimento dei 36 anni il 15 gennaio 2023: OK agevolazioni.

In cosa consiste il bonus prima casa under 36


I vantaggi sono notevoli:

  • Vendita non soggetta a IVA
    Esenzione dalle imposte di registro e ipocatastali (l’imposta di registro per la prima casa prevederebbe un’aliquota ridotta al 2% della rendita catastale rivalutata, mentre le imposte catastale e ipotecaria si pagherebbero nella misura fissa di 50 euro ciascuna).
  • Vendita soggetta a IVA
    Credito d’imposta pari all’IVA versata (si ricorda che per l’acquisto della prima casa l’IVA è pari al 4% del prezzo pagato.
    Il credito può essere sfruttato già in diminuzione delle imposte di registro, ipotecaria e catastale dovute al rogito (pari a 200 euro ciascuna), ma anche successivamente in sede di dichiarazione dei redditi e per qualunque compensazione effettuata con il modello F24.

Bonus mutuo acquisto, costruzione e ristrutturazione prima casa under 36

Il bonus prima casa under 36 non si esaurisce con lo sconto sulle imposte dovute per l’acquisto, ma si estende anche ai finanziamenti eventualmente necessari.
In caso si dovesse infatti ricorrere a un mutuo per l’acquisto, ma anche per la costruzione o la ristrutturazione, non si dovrà versare l’imposta sositutiva sul mutuo, che nel caso di acquisto della prima casa sarebbe pari allo 0,25% dell’importo del mutuo.

In caso di acquisto soggetto a IVA di un immobile del valore di 200.000 euro con finanziamento di 150.000 euro si otterrebbe un credito d’imposta pari a 8.000 euro e si risparmierebbero ulteriori 375 euro d’imposta sostitutiva sul mutuo.

Indice ISTAT agosto 2022

Indice ISTAT FOI definitivo provvisorio agosto 2022 : +8,1% L'indice ISTAT FOI di AGOSTO 2022 si porta a 113,2 con un aumento mensile del...
Sponsorizzato

Indice ISTAT gennaio 2022

Indice ISTAT gennaio 2022 (FOI definitivo) : 107,7 punti L'indice ISTAT DI GENNAIO 2022 per le rivalutazioni monetarie aumenta del +1,4% su base...

Indici ISTAT FOI 2022 per gli affitti

Ultimi indici ISTAT per le rivalutazioni monetarie. Nel mese di agosto 2022 l’indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati,...

Indice ISTAT agosto 2022

Indice ISTAT FOI definitivo provvisorio agosto 2022 : +8,1% L'indice ISTAT FOI di AGOSTO 2022 si porta a 113,2 con un aumento mensile del...

Indice ISTAT luglio 2022

Indice ISTAT luglio 2022 : +7,8% L'indice ISTAT DI LUGLIO 2022 FOI definitivo si stima pari a 112,3 punti, in aumento del +0,4% su...

Indice ISTAT giugno 2022

Indice ISTAT giugno 2022 (FOI definitivo) : +7,8% L'indice ISTAT DI GIUGNO 2022 (FOI definitivo) si porta a 111,9 punti, in aumento del +1,2%...

Indice ISTAT maggio 2022

A maggio, dopo il rallentamento di aprile, l’inflazione torna ad accelerare salendo a un livello che non si registrava da marzo 1986 (quando fu pari a +7,0%). Gli elevati aumenti dei prezzi dei Beni energetici continuano a essere il traino dell’inflazione (con quelli dei non regolamentati in accelerazione) e le loro conseguenze si propagano sempre più agli altri comparti merceologici, i cui accresciuti costi di produzione si riverberano sulla fase finale della commercializzazione. Accelerano infatti i prezzi al consumo di quasi tutte le altre tipologie di prodotto, con gli Alimentari lavorati che fanno salire di un punto la crescita dei prezzi del cosiddetto “carrello della spesa” che si porta a +6,7%, come non accadeva dal marzo 1986 (quando fu +7,2%)

Indice ISTAT aprile 2022

La stima definitiva di aprile accentua il rallentamento dell’inflazione registrato dai dati preliminari. Tale dinamica è imputabile per lo più all’inclusione del bonus energia (elettricità e gas) nel calcolo degli indici dei prezzi al consumo, resa possibile dalla disponibilità di stime sulla platea dei beneficiari (estesa dal primo aprile fino a comprendere circa 5 milioni di famiglie, 3 per il bonus elettricità e 2 per il bonus gas, con valenza retroattiva dal primo gennaio 2022). Le tensioni inflazionistiche continuano tuttavia a diffondersi ad altri comparti merceologici, quali i Beni durevoli e non durevoli, i Servizi relativi ai trasporti e gli Alimentari lavorati, con la crescita dei prezzi del cosiddetto “carrello della spesa” che si porta a +5,7%
Sponsorizzato